bando “rec-rdap-awar-ag-2016: azioni volte ad educare e sensibilizzare i ragazzi e le ragazze riguardo alla violenza di genere come modo di prevenzione precoce”

Finalità

Lanciato nell’ambito del programma “Diritti, Uguaglianza e Cittadinanza”, il bando intende contribuire ad educare e sensibilizzare i giovani per prvenire e combattere la violenza di genere.

Il bando punta pertanto a finanziare progetti transnazionali riguardanti una o più delle seguenti attività:

attività di educazione e sensibilizzazione quali campagne, manifestazioni, workshop;

- capacity building e formazione per professionisti e i volontari  che sono a contatto con ragazzi e ragazze e che sono o saranno coinvolti nelle attività educative miranti a contrastare la violenza di genere.

Beneficiari

Possono partecipare al bando enti pubblici e organizzazioni private stabiliti in uno dei Paesi ammissibili: STATI UE, ISLANDA. Il bando è aperto anche alle organizzazioni internazionali.

I progetti devono coinvolgere almeno 2 organismi (1 applicant + 1 partner) di 2 diversi Paesi ammissibili.

Le organizzazioni senza fini di lucro  possono partecipare unicamente in partnership con enti pubblici o organizzazioni private senza scopo di lucro.

Entità del contributo

Cofinanziamento UE fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto. La sovvenzione richiesta non deve essere inferiore a 75.000 euro

Scadenza

08 marzo 2017 ore 17 (ora di Bruxelles).

Info utili

Clicca qui per scaricare il bando:

 

Finalità
Lanciato nell’ambito del programma “Diritti, Uguaglianza e Cittadinanza”, il bando intende contribuire a promuovere, soprattutto a livello locale e regionale, il motto adottato dall’Unione europea “Unita nella diversità”, dando la possibilità ai cittadini dell'UE che vivono in regioni caratterizzate da multiculturalismo e multilinguismo, o in cui sono presenti minoranze marginalizzate o discriminate, di comprendere più a fondo la cultura, la lingua e l’identità reciproca.

Il bando mira, pertanto, a finanziare:
- conferenze, seminari, workshop, attività di formazione su come preservare l'unicità di un’ Europa delle diversità promuovendo allo stesso tempo la sua unità;
- lo scambio di buone pratiche sulla lotta alla discriminazione e sulla promozione della diversità a livello locale e regionale;
- l’individuazione e il contrasto a pratiche discriminatorie a livello locale e regionale e la promozione della comprensione e del dialogo tra popolazione maggioritaria e minoranze.

Beneficiari
I progetti proposti possono essere transnazionali o nazionali (se nazionali, devono però produrre risultati con valore aggiunto europeo) e coinvolgere almeno 2 partner (compreso l'applicant di progetto).

Possono partecipare al bando enti pubblici e organizzazioni private stabiliti in uno dei Paesi UE, nonché organizzazioni internazionali. Se l'applicant di progetto è un’organizzazione privata, deve essere di natura no-profit.

Entità del contributo
I progetti proposti devono richiedere una sovvenzione compresa tra 150.000 e 250.000 euro (cofinanziamento UE fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto).

Scadenza
28 febbraio 2016.

Info utili
Clicca qui per scaricare il bando.

Finalità

  1. Promuovere la mobilità transnazionale di artisti e professionisti nonché la circolazione delle opere culturali e creative, al fine di favorire gli scambi culturali, il dialogo interculturale, la comprensione della diversità culturale e l'inclusione sociale. I progetti orientati a questa priorità devono sviluppare una effettiva strategia di mobilità transnazionale.
  2. Rafforzare l’Audience Development come strumento per stimolare l’interesse delle persone nei confronti delle opere e del patrimonio culturale europei e per migliorare l’accesso ad essi. L’Audience Development punta ad avvicinare le persone e la cultura, richiede di impegnarsi in modi nuovi e innovativi con il pubblico, sia per diversificare il pubblico o costruire un nuovo pubblico, raggiungendo anche coloro che attualmente non ne fanno parte, sia per migliorare l'esperienza del pubblico esistente e approfondire il rapporto con esso. Una strategia di AD può essere quindi rivolta all'ampliamento, alla diversificazione del pubblico o all'intensificazione della relazione col pubblico fidelizzato/esistente (o a una combinazione di questi aspetti).
  3. Capacity building, ovvero aiutare gli operatori culturali ad acquisire nuove abilità e a internazionalizzare le loro carriere, generando nuove opportunità professionali e creando le condizioni per una maggiore circolazione delle opere culturali e creative e per il networking internazionale. Questa priorità è declinata in tre aspetti:
    1) digitalizzazione;
    2) creazione di nuovi modelli di business culturale;

Beneficiari

Operatori (pubblici e privati) dei settori culturali e creativi che (alla data di scadenza del bando) siano legalmente costituiti con personalità giuridica da almeno 2 anni in uno dei Paesi ammissibili al sottoprogramma Cultura.

Paesi ammissibili28 Paesi UE, i Paesi EFTA/SEE (solo Islanda e Norvegia), i Paesi candidati effettivi e potenziali (solo AlbaniaBosnia-Erzegovinaex Repubblica jugoslava di MacedoniaMontenegroSerbia), Paesi PEV (solo GeorgiaMoldovaUcraina; l’ammissibilità di Israele è condizionata alla conclusione dell’accordo con l’UE per la partecipazione di questo Paese al programma).

Entità del contributo

- Progetti di cooperazione su piccola scala: contributo UE fino al 60% dei costi totali ammissibili del progetto per un massimo di 200.000 euro.

- Progetti di cooperazione su larga scala: contributo UE fino al 50% dei costi totali ammissibili del progetto per un massimo di 2.000.000 di euro.

Scadenza

23 novembre  2016.

Info utili

Per scaricare il bando:

https://eacea.ec.europa.eu/creative-europe/funding/support-european-cooperation-projects-2017_en

Finalità

Sostenere la messa in rete di organizzazioni che operano nel campo dell'imprenditoria migrante per facilitare l'apprendimento reciproco, lo scambio di esperienze e buone pratiche, lo sfruttamento delle sinergie e l'emergere di collaborazioni strategiche.

Il bando sosterrà le seguenti categorie di misure (elenco indicativo):

-       organizzazione di incontri (anche on-line), seminari e workshop che riuniscano insieme i rappresentanti delle organizzazioni di supporto all’imprenditorialità dei migranti provenienti da regioni e paesi diversi;

-       creazione di reti di soggetti che in regioni o stati diversi forniscono supporto all'imprenditorialità dei migranti;

-       raccolta e scambio di dati sui risultati e gli impatti dei meccanismi esistenti a sostegno degli imprenditori migranti;

-       valutazione dei servizi ai migranti forniti dalle organizzazioni partecipanti;

-       miglioramento e ulteriore sviluppo del sostegno per gli imprenditori immigrati già fornito dai soggetti partner, compresa la sua estensione a dimensioni ulteriori di sostegno;

-       trasferimento o estensione di regimi esistenti ad un'altra regione/paese;

-       creazione di progetti comuni tra organizzazioni partecipanti;

-       diffusione di informazioni, orientamento e consulenza ad un pubblico più vasto di amministrazioni pubbliche e organizzazioni di supporto ai migranti interessate.

Beneficiari

Organizzazioni attive nel sostegno all'integrazione economica e sociale dei migranti e/o nella promozione dell'imprenditorialità dei migranti e/o nei servizi di supporto per gli imprenditori e aspiranti imprenditori, quali ad esempio:

- autorità pubbliche e amministrazioni pubbliche (a livello nazionale, regionale o urbano);

- Camere di commercio e industria e organismi analoghi;

- associazioni di imprese e reti di sostegno alle imprese;

- organizzazioni di sostegno alle imprese e incubatori;

- ONG, organizzazioni non-profit, associazioni e fondazioni che lavorano con i migranti;
- soggetti pubblici e privati specializzati nel settore dell'istruzione e della formazione.

Entità del contributo

Il contributo comunitario può coprire fino al 90% delle spese ammissibili per un massimo di 375.000 euro.

Scadenza

20 dicembre  2016.

Info utili

Per info:

https://ec.europa.eu/easme/en/cos-migrantsent-2016-4-02-migrants-entrepreneurship-support-schemes

Finalità

Asse 2. Impegno democratico e partecipazione civica

Misura 1. Gemellaggio di città

Sostegno a progetti che favoriscono incontri tra cittadini di città gemellate su temi in linea con gli obiettivi del programma. Mobilitando i cittadini a livello locale ed europeo per dibattere su questioni concrete, questi progetti mirano a promuovere la partecipazione civica al processo decisionale dell'UE  e a sviluppare opportunità d'impegno civico e di volontariato.

I gemellaggi devono essere intesi in senso ampio, riferendosi sia ai comuni che hanno sottoscritto o si sono impegnati a sottoscrivere accordi di gemellaggio, sia ai comuni che attuano altre forme di partenariato volte a intensificare la cooperazione e i legami culturali.

Ciascun progetto deve coinvolgere municipalità di almeno 2 Paesi partecipanti al programma, dei quali almeno 1 sia Stato UE e prevedere un minimo di 25 partecipanti internazionali provenienti dalle municipalità partner. Gli incontri devono avere una durata massima di 21 giorni.

Misura 2. Reti di città

Sostegno a progetti per la creazione di reti tematiche tra città gemellate. Questi progetti promuovono lo scambio di esperienze e buone pratiche sui temi d’interesse comune e favoriscono lo sviluppo di una cooperazione duratura tra le città coinvolte.

I progetti devono coinvolgere municipalità di almeno 4 Paesi partecipanti al programma, dei quali almeno 1 sia Stato UE. Ciascun progetto deve realizzare almeno 4 eventi e prevedere almeno un 30% di partecipanti internazionali provenienti dalle municipalità partner. La durata massima dei progetti deve essere di 24 mesi.

Beneficiari

Organismi pubblici o organizzazioni non-profit aventi personalità giuridica stabiliti in uno dei Paesi attualmente ammissibili al programma Nello specifico:

-       Misura 1: città/comuni o i loro comitati di gemellaggio o altre organizzazioni non-profit che rappresentano le autorità locali.

-       Misura 2: città/comuni o i loro comitati o reti di gemellaggio; altri livelli di autorità locali/regionali; federazioni/associazioni di autorità locali; organizzazioni non-profit rappresentanti le autorità locali. In questi progetti possono partecipare in qualità di partner le organizzazioni non-profit della società civile.

Entità del contributo

-       Misura 1: contributo UE di massimo € 25.000 per progetto.

-       Misura 2: contributo UE di massimo € 150.000 per progetto.

Per tutti i progetti la sovvenzione è calcolata sulla base di importi forfettari.

Scadenza

-       Misura 1: 01/09/2016, per progetti aventi inizio tra il 1° gennaio e il 30 settembre 2017.

-       Misura 2:01/09/2016, per progetti aventi inizio tra il 1° gennaio e il 30 giugno 2017.

Le candidature devono essere presentate entro le ore 12.00 (ora dell’Europa centrale) dei termini di scadenza indicati.

Info utili

Per scaricare l’avviso pubblico e i documenti correlati:

http://www.europacittadini.it