Finalità
Lanciato nell’ambito del programma “Diritti, Uguaglianza e Cittadinanza”, il bando intende contribuire a promuovere, soprattutto a livello locale e regionale, il motto adottato dall’Unione europea “Unita nella diversità”, dando la possibilità ai cittadini dell'UE che vivono in regioni caratterizzate da multiculturalismo e multilinguismo, o in cui sono presenti minoranze marginalizzate o discriminate, di comprendere più a fondo la cultura, la lingua e l’identità reciproca.

Il bando mira, pertanto, a finanziare:
- conferenze, seminari, workshop, attività di formazione su come preservare l'unicità di un’ Europa delle diversità promuovendo allo stesso tempo la sua unità;
- lo scambio di buone pratiche sulla lotta alla discriminazione e sulla promozione della diversità a livello locale e regionale;
- l’individuazione e il contrasto a pratiche discriminatorie a livello locale e regionale e la promozione della comprensione e del dialogo tra popolazione maggioritaria e minoranze.

Beneficiari
I progetti proposti possono essere transnazionali o nazionali (se nazionali, devono però produrre risultati con valore aggiunto europeo) e coinvolgere almeno 2 partner (compreso l'applicant di progetto).

Possono partecipare al bando enti pubblici e organizzazioni private stabiliti in uno dei Paesi UE, nonché organizzazioni internazionali. Se l'applicant di progetto è un’organizzazione privata, deve essere di natura no-profit.

Entità del contributo
I progetti proposti devono richiedere una sovvenzione compresa tra 150.000 e 250.000 euro (cofinanziamento UE fino all’80% dei costi totali ammissibili del progetto).

Scadenza
28 febbraio 2016.

Info utili
Clicca qui per scaricare il bando.