E' lo strumento con cui la Regione Puglia sostiene le grandi, medie e piccole imprese pugliesi che operano nel settore turistico.

Finalità

Favorire la destagionalizzazione dei flussi turistici.

Beneficiari

Possono richiedere l'agevolazione:

  1. Imprese di grandi dimensioni, come da definizione di cui all'Allegato I del Regolamento (UE) n. 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014, in regime di contabilità ordinaria, che alla data di presentazione della domanda abbia approvato almeno due bilanci.

Nel caso in cui l'istanza di accesso sia presentata da un'impresa di grande dimensione non attiva, l'impresa di grande dimensione controllante deve aver approvato almeno due bilanci alla data di presentazione dell'istanza di accesso.

  1. Imprese di medie dimensioni, come da definizione di cui all'Allegato I del Regolamento (UE) n. 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014, in regime di contabilità ordinaria, che alla data di presentazione della domanda abbia approvato almeno due bilanci.

Nel caso in cui l'istanza di accesso sia presentata da un'impresa di media dimensione non attiva, l'impresa di media dimensione controllante deve aver approvato almeno due bilanci alla data di presentazione dell'istanza di accesso.

  1. Imprese di piccole dimensioni in regime di contabilità ordinaria, che alla data di invio dell'istanza di accesso abbiano approvato almeno tre bilanci di esercizio, dai quali emerga un fatturato medio non inferiore a 1 milione di euro.

Nel caso in cui l'istanza di accesso sia presentata da un'impresa di piccola dimensione non attiva, l'impresa di piccola dimensione controllante e in regime di contabilità ordinaria alla data di presentazione dell'istanza di accesso deve aver approvato almeno tre bilanci di esercizio, dai quali emerga un fatturato medio non inferiore a 1 milione di euro.

  • Nel caso di proposta avanzata da grande impresa, i programmi integrati possono prevedere, oltre al programma di investimento della grande impresa proponente, anche programmi di investimento di altre piccole e medie imprese, in regime di contabilità ordinaria, associate alla grande impresa proponente. In tal caso, la grande impresa ed almeno i 2/3 delle PMI partecipanti al programma devono essere attive ed aver approvato almeno due bilanci alla data di presentazione dell'istanza di accesso. L'eventuale PMI aderente non attiva deve essere partecipata per almeno il 50% da altra PMI attiva che abbia già approvato almeno due bilanci alla data di presentazione dell'istanza di accesso. Nell'ambito del programma integrato, l'iniziativa imprenditoriale della grande impresa deve presentare spese ammissibili almeno pari al 50% dell'importo complessivo del programma.
  • Nel caso di proposta avanzata da media impresa, i programmi integrati possono prevedere, oltre al programma di investimento della media impresa proponente, anche programmi di investimento di altre piccole e medie imprese, in regime di contabilità ordinaria, associate alla media impresa proponente. In tal caso, almeno i 2/3 delle PMI partecipanti al programma devono essere attive ed aver approvato almeno due bilanci alla data di presentazione dell'istanza di accesso. L'eventuale PMI aderente non attiva deve essere partecipata per almeno il 50% da altra PMI attiva che abbia già approvato almeno due bilanci alla data di presentazione dell'istanza di accesso. Nell'ambito del programma integrato, l'iniziativa imprenditoriale della media impresa deve presentare spese ammissibili almeno pari al 50% dell'importo complessivo del programma.

Entità del contributo

-       grandi imprese: importo complessivo dei costi ammissibili non inferiore a 3 milioni di euro e non superiore a 40 milioni di euro;

-       medie imprese: importo complessivo dei costi ammissibili non inferiore a 2 milioni di euro e non superiore a 30 milioni di euro;

-       piccole imprese: importo complessivo dei costi ammissibili non inferiore a 1 milione di euro e non superiore a 20 milioni di euro.

Gli investimenti delle eventuali PMI aderenti all’iniziativa promossa dalla grande o dalla media impresa devono prevedere costi ammissibili non inferiori ad € 1.000.000,00. 

Scadenza

A sportello.

Info utili

Per scaricare il bando:

http://www.sistema.puglia.it/SistemaPuglia/piaturismo

E' lo strumento con cui la Regione Puglia sostiene le piccole imprese pugliesi in iniziative finalizzate alla produzione di beni e servizi.

Finalità

Favorire gli investimenti delle medie imprese pugliesi in attività materiali, investimenti in ricerca e sviluppo, in servizi per l’innovazione, in tutela dell’ambiente, realizzando o ampliando le unità produttive, diversificando la produzione o i processi produttivi.

Beneficiari

Può richiedere l'agevolazione:

  • Un'impresa di piccola dimensione come da definizione di cui all'Allegato I del Regolamento (UE) 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014, in regime di contabilità ordinaria, che: 1. alla data di presentazione della domanda abbia già approvato almeno tre bilanci; 2. abbia registrato nei tre esercizi precedenti un fatturato medio non inferiore a 1,5 milioni di euro ed abbiano registrato, nei 12 mesi antecedenti la presentazione della domanda, un numero di ULA almeno pari a 10.
  • Un'impresa di piccola dimensione non attiva, controllata da una piccola impresa che abbia:
    1. approvato almeno tre bilanci alla data di presentazione della domanda;
    2. registrato nei tre esercizi precedenti un fatturato medio non inferiore a 1,5 milioni di euro;
    3. registrato, nei 12 mesi antecedenti la presentazione della domanda, un numero di ULA almeno pari a 10.

I Codici Ateco ammissibili sono riportati sul sito www.sistema.puglia.it nella sezione PIA Piccole Imprese. 

Entità del contributo

Le istanze di accesso devono riguardare progetti integrati di importo complessivo delle spese e dei costi ammissibili compresi tra 1 milione di euro e 20 milioni di euro.

Scadenza

A sportello.

Info utili

Per scaricare il bando:

http://www.sistema.puglia.it/SistemaPuglia/piapiccoleimprese

E' lo strumento con cui la Regione Puglia sostiene le medie imprese pugliesi in iniziative finalizzate alla produzione di beni e servizi.

Finalità

Favorire gli investimenti delle medie imprese pugliesi in attività materiali, investimenti in ricerca e sviluppo, in servizi per l’innovazione, in tutela dell’ambiente, realizzando o ampliando le unità produttive, diversificando la produzione o i processi produttivi.

Beneficiari

Può richiedere l'agevolazione:

  • una impresa di media dimensione come da definizione di cui all'Allegato I del Regolamento (UE) 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014, in regime di contabilità ordinaria, che alla data di presentazione della domanda abbia già approvato almeno due bilanci.
  • una impresa di media dimensione non attiva controllata da una media impresa che abbia approvato almeno due bilanci alla data di presentazione della domanda.
  • altre piccole e medie imprese, in regime di contabilità ordinaria, in adesione alla media impresa proponente che ne assume la responsabilità ai soli fini della coerenza tecnica ed industriale; in questa ipotesi, almeno i 2/3 delle PMI partecipanti al progetto integrato devono essere attive ed aver approvato almeno due bilanci alla data di presentazione dell'istanza di accesso. Inoltre, l'eventuale PMI aderente non attiva deve essere partecipata per almeno il 50% da altra PMI attiva che abbia già approvato almeno due bilanci alla data di presentazione dell'istanza di accesso. Infine, nell'ambito del progetto integrato, l'iniziativa imprenditoriale di competenza della media impresa proponente deve presentare spese ammissibili almeno pari al 50% dell'importo complessivo del medesimo e ciascun programma di investimento realizzato da micro, piccole e medie imprese deve presentare costi ammissibili non inferiori a euro 1 milione.

I Codici Ateco ammissibili sono riportati sul sito www.sistema.puglia.it nella sezione PIA Medie Imprese. 

Entità del contributo

Le istanze di accesso devono riguardare progetti integrati di importo complessivo delle spese e dei costi ammissibili compresi tra 1 milione di euro e 40 milioni di euro. 

Scadenza

A sportello.

Info utili

Per scaricare il bando:

http://www.sistema.puglia.it/SistemaPuglia/piamedieimprese

E' lo strumento con cui la Regione Puglia offre un aiuto per l’avvio di una nuova impresa con un contributo a fondo perduto e un prestito rimborsabile.

Finalità

Agevolare l’autoimpiego di persone con difficoltà di accesso al mondo del lavoro.

Beneficiari

L’impresa dovrà essere partecipata da almeno la metà di soggetti appartenenti ad almeno una delle seguenti categorie:

-       giovani con età tra 18 anni e 35 anni;

-       donne di età superiore a 18 anni;

-       disoccupati che non abbiano avuto rapporti di lavoro subordinato negli ultimi 3 mesi;

-       persone in procinto di perdere un posto di lavoro;

-       lavoratori precari con partita IVA (meno di 30.000 € di fatturato e massimo 2 clienti).

L’impresa deve operare nei seguenti settori:

-        attività manifatturiere

-        costruzioni ed edilizia

-        riparazione di autoveicoli e motocicli

-        affittacamere e bed & breakfast

-        ristorazione con cucina (sono escluse le attività di ristorazione senza cucina quali bar, pub, birrerie, pasticcerie, gelaterie, caffetterie, ristorazione mobile, ecc.)

-        servizi di informazione e comunicazione

-        attività professionali, scientifiche e tecniche

-        agenzie di viaggio

-        servizi di supporto alle imprese

-        istruzione

-        sanità e assistenza sociale non residenziale

-        attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento (sono escluse le attività delle lotterie, scommesse e case da gioco)

-        attività di servizi per la persona

-        traslochi, magazzinaggio, attività di supporto ai trasporti, servizi postali e attività di corriere;

-        commercio elettronico.

Entità del contributo

-       con investimenti fino a € 50.000,00, l'agevolazione è pari al 100%, metà a fondo perduto e metà come prestito rimborsabile. 

-       investimenti compresi tra € 50.000,00 ed € 100.000,00, l'agevolazione è pari al 90%, metà a fondo perduto e metà come prestito rimborsabile.

-       investimenti compresi tra € 100.000,00 ed € 150.000,00, l'agevolazione è pari all'80%, metà a fondo perduto e metà come prestito rimborsabile.

È inoltre previsto un contributo sulle spese di gestione dei primi sei mesi pari ad € 10.000,00.30.000,00 euro.

Scadenza

A sportello.

Info utili

Per scaricare il bando:

http://www.sistema.puglia.it/SistemaPuglia/nidi

E' lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese pugliesi un finanziamento per la realizzazione di nuovi investimenti o per spese di gestione.

Finalità

Finanziare imprese "non bancabili" che non hanno cioè i requisiti patrimoniali e finanziari per ottenere un finanziamento dal sistema bancario. 

Beneficiari

Per richiedere un finanziamento, un’impresa al momento della presentazione della domanda deve essere in possesso di tutte le caratteristiche indicate di seguito:

  • Aver emesso la prima fattura almeno 6 mesi prima della domanda preliminare di finanziamento (le imprese del settore del commercio devono aver emesso la prima fattura almeno 24 mesi prima della domanda e aver avuto un fatturato di almeno 60.000 nell’ultimo anno).
  • Avere meno di 10 addetti e non essere partecipata per la maggioranza del capitale da altre imprese.
  • Avere una delle seguenti forme giuridiche: ditta individuale, società cooperativa con meno di 10 soci, società in nome collettivo, società in accomandita semplice, associazione tra professionisti, società a responsabilità limitata.
  • Essere non bancabile, avere rispettato quindi negli ultimi 12 mesi tutti i seguenti requisiti: - non avere avuto liquidità per più di 50.000 euro; - non essere stata proprietaria di immobili e macchinari per un valore superiore a 200.000 euro; - non avere un fatturato superiore a 240.000 euro; - non aver beneficiato di finanziamenti per un importo superiore a 30.000 euro.

Il Fondo finanzia imprese, con sede operativa in Puglia, ad esclusione di quelle operanti nei settori seguenti:

-        fornitura e produzione di energia, acqua e gestione di reti fognarie;

-        attività riguardanti le lotterie, le scommesse e le case da gioco;

-        attività di organizzazioni associative;

-        pesca, agricoltura e zootecnia.

Entità del contributo
Da 5.000 a 25.000 Euro.

Scadenza
A sportello.

Info utili
Per scaricare il bando:

http://www.sistema.puglia.it/portal/page/portal/SistemaPuglia/microcredito